H.E. Marquis Dr. Ing. COLOMBO MARCO LOMBARDO: Khajuraho, Capitale dei Re Chandela patrimonio mondiale dell’UNESCO

Khajuraho patrimonio mondiale dell’UNESCO è ubicato nel centro dell’India, è un famoso centro turistico, ma anche un sito archeologico noto per i suoi templi scolpiti dedicati a Shiva, Vishnu, e ai patriarchi Jain. Khajuraho è una delle capitali dei Re Chandela, che dal 9 ° al 11 ° secolo d. C. avevano sviluppato un regno di grandi dimensioni, che nel suo apice comprende quasi tutto quello che oggi è stato dei Madhya Pradesh. Khajuraho è estesa su 21 kmq e contiene circa 85 templi costruiti dai molteplici sovrani a partire dal 950 fino al 1050. Alla fine del secolo 11 ° i Chandela, in un periodo di caos e di declino, trasferirono le loro fortificazioni altrove. Khajuraho ha proseguito la sua importanza religiosa fino al 14 ° secolo (Ibn Batuta è stato colpito in detto patrimonio), ma fu poi in gran parte dimenticato, la sua lontananza probabilmente l’aveva salvato dalla profanazione che i conquistatori musulmani avevano in genere inflitto ai monumenti indù. Nel 1838 un capitano dell’Esercito britannico, TS Burt, impiegato dalla Società Asiatica di Calcutta, era venuto a conoscenza di informazioni che lo avevano portato alla riscoperta del complesso dei templi nella giungla di Khajuraho.
Tra gli 85 originali templi costruiti sul fiume di dura arenaria, circa 20 sono ancora abbastanza ben conservati. Sia internamente che esternamente i templi sono riccamente intagliati con sculture eccellenti che sono spesso sensuali e, a volte, sessualmente espliciti. I templi sono divisi in tre complessi-occidentali è il più grande e più noto, contiene il magnifico tempio Shaivite Kandariya Mahadev, un agglomerato di 31m elevato dai portici e dalle torrette che culminano in una guglia. La moderna Khajuraho è un piccolo paese, che serve il turismo con alberghi e un aeroporto. Il nome di Khajuraho deriva dalla prevalenza di Khajur, o palme da dattero, che crescono nella zona. Khajuraho, l’antica Kharjjura-vahaka rappresenta oggi un modello distinto di arte e architettura del tempio proprio e ricorda uno dei periodi ricchi e creativi della dominazione Chandela. E ‘stata la sede principale delle autorità dei governanti Chandela che l’adornavano con i carri armati, numerose decine di templi alti di grazia scultorea e splendore architettonico. La tradizione locale elenca 85 templi, ma ora solo 25 sono rimasti in piedi come esempi di varie fasi di conservazione. A parte Chausath-Yogini, Brahma e Mahadeva che sono di granito, tutti gli altri templi sono di arenaria a grana sottile, colorati di giallo, rosa o di colore pallido. Yasovarman (AD 954) aveva costruito il tempio di Vishnu, oramai famoso come Lakshmana, il tempio è un esempio ornato ed evoluto del suo tempo, proclamare il prestigio dei Chandelas. I templi Visvanatha, Parsvanatha e Vaidyanatha appartengono al tempo di Re Dhanga, il successore di Yasovarman. Il Jagadambi, Chitragupta, sono degne di nota tra il gruppo occidentale dei templi di Khajuraho reali. Il tempio più grande di Khajuraho è la Mahadeva Kandariya immortale che è attribuito al Re Ganda (AD 1017-1029). Gli altri esempi che seguono, cioè Vamana, Adinatha, Javari, Chaturbhuj e Duladeo, sono più piccoli, ma dal design elaborato. I gruppi di templi di Khajuraho sono noti per le alte terrazze (jagati) e funzionalmente sono efficaci piani che comprendono una ardhamandapa, una specie di ingresso generalmente ornato con Makara torana e kakshasana, il mandapa, come la sala con antarala che porta al garbha griha o al santuario. I templi più grandi hanno mahamandapas di fronte al ardhamandapa. Tuttavia contengono anche santuari minori ai quattro angoli e quindi classificati come pancayatana. L’esterno dei templi è riccamente decorato. Al contrario, i templi Javari e Brahma sono semplici creazioni. Le decorazioni scultoree sono, oltre alle immagini di culto, parivara, Parsva, avarana Devatà, dikpalas, i Apsarases e-sura sundaris che vincono l’ammirazione universale per le loro delicate forme giovanili femminili di incantevole bellezza. L’abbigliamento e gli ornamenti abbracciano la grazia e il fascino seducente. Uno scavo recente al Bija Mandal in Jatkara vicino a Khajuraho ha rivelato i resti di una base enorme di un tempio che risale al secolo 11 ° secolo d. C, esteso su 4 m rispetto al più grande tempio conosciuto ( Tempio Kandariya Mahadeo). Una immagine squisita di Sarasvati è stata trovata anche qui.022 530380_4674737277999_216861150_n 151033_422107054524368_694365869_n

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...