Sua Eccellenza, Dr. Acc. Colombo Marco Lombardo: Maldive, una adolescente accusata di “fornicazione” sfugge alla fustigazione

530380_4674737277999_216861150_nA giugno del 2012, una giovane adolescente era stata arrestata, in seguito al ritrovamento dl corpo di un bambino sepolto vicino casa sua sull’isola di Feydhoo nell’Atollo Shaviyani (Nord). L’adolescente. vittima di ripetuti stupri da parte del suo patrigno era rimasta incinta e l’uomo aveva voluto liberarsi del bambino. Durante le indagini di stupro rivolte al patrigno, la polizia aveva scoperto che la giovane donna aveva avuto dei rapporti consensuali con un altro uomo. Il procuratore generale in seguito a ciò aveva presentato una denuncia contro la ragazza per “fornicazione” a novembre del 2012. Il 25 febbraio, un tribunale dei minori aveva condannato la ragazza, la cui identità è rimasta segreta, alla frusta e a otto mesi di arresti domiciliari, per aver avuto rapporti sessuali extraconiugali. Il tribunale delle Maldive aveva basato la sua condanna su due elementi: La legge islamica e il diritto comune inglese. Dunque in base alla legge della Sharia, il sesso prima del matrimonio è considerato illegale, un crimine che non viene applicato ai turisti. Questo caso aveva fatto esplodere una ondata di critiche a livello internazionale indicando il trattamento discriminatorio delle donne in questo arcipelago dell’Oceano Indiano, nota meta turistica. In seguito a ciò a febbraio di quest’anno, il Governo delle Maldive ha fatto appello di revocare la condanna proprio in ragione delle numerose reazioni che aveva causato questo caso in ambito internazionale, in particolare tra le organizzazioni a difesa dei diritti umani. “Annullare questa pena era la cosa più giusta da fare” ha dichiarato Polly Ruscott, Vice responsabile di Amnesty International per L’Asia – Pacifico.
“Nessuno deve essere perseguito per aver fatto sesso fuori dal matrimonio. Le vittime di abusi sessuali hanno bisogno di sostegno, non punizione. Le Maldive devono ottemperare agli obblighi del diritto internazionale vis-à-vis”, ha aggiunto. Secondo Amnesty Internazionale, almeno 180 persone sono state condannate alla fustigazione per “fornicazione” nel 2009, mentre altre sono state vittime di stupro o di altri crimini sessuali. Nel 2011, quasi il 90% dei condannati per questo crimine erano donne. L’Alta Corte delle Maldive ha annullato Mercoledì, 21 Agosto, la condanna a cento frustate una ragazza di 15 anni per aver avuto rapporti sessuali extra coniugali. In una dichiarazione, la Corte ha precisato che l’adolescente, il cui patrigno è in carcere per stupro, era stata ingiustamente condannata, la sua confessione era stata fatta mentre lei soffriva di stress post-traumatico. Il Presidente delle Maldive, Mohamed Waheed, ha reso noto che è “felice” per la cancellazione. “Il ruolo del Governo è quello di proteggere le vittime, ma abbiamo dovuto agire nel rispetto della legge”, ha precisato il suo portavoce. L’arcipelago ha sottoscritto numerosi trattati internazionali che vietano la tortura e altri trattamenti crudeli, come la Convenzione contro la tortura, alla quale ha aderito nel 2004. Source: http://www.lemonde.fr/international/article/2013/08/23/aux-maldives-une-adolescente-accusee-de-fornication-echappe-au-fouet_3465584_3210.htmlaccademia  foto

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...